Indietro
  • Europa
  • Gran Bretagna
  • Musei d'Arte
  • 1990-1999

Tower of London

The Jewel House

London, UK

1993-1994

Nella nuova Jewel House, realizzata nel 1994 al piano terreno del Waterloo Block, appositamente restaurato, i gioielli della Corona sono esposti secondo la sequenza con cui vengono utilizzati nella cerimonia dell’incoronazione. Due innovativi marciapiedi scorrevoli consentono di evitare affollamenti di fronte alle vetrine che racchiudono i capolavori più importanti e preziosi.

Progetto museografico: Sidell Gibson Partnership, Londra

La sfida

L’altissimo valore materiale e simbolico della collezione ha costituito una sfida particolarmente significativa.

Ognuno degli elementi richiesti richiedeva una notevole innovazione: la sicurezza contro i furti, gli atti vandalici, gli attacchi terroristici con l’utilizzo di vetri di eccezionale spessore; la conservazione e la tutela dei metalli e delle pietre preziose da particelle e agenti inquinanti; l’estetica che implicava forme del tutto particolare e l’utilizzo di materiali del tutto inusuali per la museotecnica, come l’ottone; i sistemi di apertura, in grado di movimentare in sicurezza parti apribili molto pesanti; la riservatezza assoluta richiesta sui disegni, sulle fasi della produzione e dell’installazione.

La soluzione

Le vetrine, blindate, sono state realizzate con le più avanzate prestazioni di meccanica, di illuminotecnica, di sicurezza e di climatizzazione, i cui materiali e trattamenti si sono adattati perfettamente al disegno classico delle costruzioni.

L’elemento caratterizzante del sistema di apertura di queste vetrine è stato, per ragioni estetiche e di sicurezza, l’applicazione del principio del “gioco zero” ossia l’eliminazione totale dello spazio vuoto tra il telaio dell’anta ed il montante.

Le vetrine sono dotate di un avanzato impianto centralizzato di climatizzazione di tipo attivo, che permette di mantenere condizioni ideali di temperatura ed umidità.

Tutte le vetrine sono illuminate da apparati a fibre ottiche con luce d’accento, che permette di esaltare le eccezionali qualità di rifrazione e riflessione delle pietre preziose più celebri al mondo.

Il progetto in numeri

Area espositiva: 810 m2 ; unità espositive: 15; lunghezza del fronte espositivo: 80 m