Indietro
  • Europa
  • Gran Bretagna
  • Musei Archeologici
  • 2000-2009

The Fitzwilliam Museum

The Egyptian Galleries

Cambridge, UK

2004-2006

Il Museo Fitzwilliam è descritto dalla Standing Commission on Museums & Galleries, nel 1968, come “una delle maggiori collezioni d’arte della nazione e un monumento di primaria importanza”. La sua fondazione risale al 1816, quando Riccardo, VII Visconte Fitzwilliam di Merrion, lasciò all’Università di Cambridge le sue opere artistiche e letterarie ed i fondi per realizzare un museo che le accogliesse e ne consentisse l’arricchimento. Il lascito originario si è progressivamente arricchito grazie a nuovi scavi, donazioni e acquisizioni ed all’appoggio di numerosi mecenati. Di recente la collezione d’arte egizia, considerata una delle più prestigiose della Gran Bretagna, è stata oggetto di un profondo rinnovamento e l’allestimento del museo è stato interamente riprogettato. Le gallerie egizie occupano oggi due grandi sale all’angolo nord-occidentale della costruzione e ospitano una numerosa varietà di reperti.

Progetto museografico: Iain Langlands, BLB Architects, Londra

La sfida

La principale sfida era rappresentata dalle esigenze di esposizione e di illuminazione dei preziosi e raffinati sarcofagi che il progetto prevedeva di esporre in modo da ricrearne l’originale composizione, aperti e con una visione a 360°.

La soluzione

Le vecchie vetrine sono state rimosse e sostituite da strutture nuove, appositamente realizzate dalla Goppion che consentono una migliore leggibilità dei reperti, il perfetto controllo delle condizioni interne e un’elevata protezione delle opere. La sostituzione delle vecchie teche ha inoltre permesso di ottimizzare la gestione degli spazi e l’organizzazione dell’esposizione.

Per i sarcofagi, alloggiati all’interno di grandi vetrine a isola, è stata progettata e realizzata una struttura ad albero in acciaio, supportata da una ulteriore struttura in acciaio non a vista, in grado di sostenerne il notevole peso e, al tempo stesso, di consentire i passaggi per le fibre ottiche di illuminazione.

Il progetto in numeri

Area espositiva: 300 m2 ; unità espositive: 25; lunghezza del fronte espositivo: 55 m