Indietro
  • Europa
  • Italia
  • Musei d'Arte
  • 2010-2018

MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo

Vetrine per esposizioni temporanee

Roma, Italia

2010

Il MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo è la prima istituzione nazionale dedicata alla creatività contemporanea, pensata come un grande campus per la cultura. Ospitato in un’opera architettonica dalle forme innovative e spettacolari, nel quartiere Flaminio di Roma, il MAXXI ospita due musei: il MAXXI Arte e il MAXXI Architettura.

Partendo dalla consapevolezza di quanto sia importante promuovere le espressioni della creatività di un paese come l’Italia, caratterizzato da secoli di primato nel campo artistico e architettonico, il museo ha la missione di promuovere e sviluppare il senso di questa continuità proiettandola verso il futuro.

Il MAXXI punta a essere un centro di eccellenza, uno snodo interattivo in cui convergeranno e potranno mescolarsi le più diverse forme di espressività, produttività e creazione. Allo stesso tempo, dato che l’arte e l’architettura sono componenti essenziali dell’immagine e della percezione di un paese all’estero, il MAXXI vuole essere una sorta di “antenna” che trasmette i contenuti dell’Italia verso l’esterno e che a sua volta riceve dall’esterno i flussi della cultura internazionale.

Progetto architettonico: Zaha Hadid, Londra

Progetto delle vetrine: Aldo Aymonino, Seste Engineering, Roma

La sfida

La sfida principale di questo allestimento era lo sviluppo di un sistema modulare di vetrine a tavolo, da comporre secondo varie configurazioni, per creare un contesto espositivo omogeneo. Dato che ogni modulo doveva avere i lati trasparenti, le cerniere e le aperture andavano posizionate sul fronte e sul retro, anziché di lato come avviene normalmente.

La soluzione

Le vetrine ideate da Aldo Aymonino sono sorrette da sottili lamiere in acciaio piegate come origami. Le basi impilabili hanno una leggerezza di forme che può trarre in inganno sulla loro reale solidità. Le fiancate sono smontabili; le molle a gas e le cerniere, posizionate rispettivamente sul fronte e sul retro della vetrina, sono nascoste alla vista da fasce retroverniciate. Il sistema di illuminazione a LED è anch’esso nascosto dietro la fascia retroverniciata posteriore.

Le vetrine possono essere assemblate in molteplici configurazioni, ciascuna delle quali sembra studiata ad hoc grazie alla trasparenza e alla delicatezza delle basi e delle teche stesse. L’illuminazione soffusa e la neutralità delle strutture sono accentuate dalla verniciatura bianca degli elementi in acciaio in vista.

Il progetto in numeri

Unità espositive: 67; lunghezza del fronte espositivo: 101 m