Indietro
  • Europa
  • Altri Paesi Europei
  • Musei d'Arte
  • 2000-2009

The Byzantine and Christian Museum

Athens, Greece

2003-2004

Il Museo Bizantino e Cristiano di Atene è una delle istituzioni culturali più importanti della Grecia, fondato nel 1914 per raccogliere, studiare, conservare ed esporre il patrimonio culturale di età bizantina e post-bizantina proveniente dal territorio greco, dal III secolo d.C. al periodo tardo-medievale: circa 30.000 opere tra icone, sculture, ceramiche, tessuti ed oggetti ecclesiastici e liturgici, dipinti, gioielli ed elementi architettonici (pitture murali ed affreschi).  Nel giugno 2004, in tempo per il 90° anniversario della sua fondazione e per le Olimpiadi di Atene, il museo è stato riaperto al pubblico, dopo un completo rinnovamento e l’aggiunta di una nuova ala.

Progetto architettonico: Manos Perrakis

Progetto museografico: Eleni Stefanou Katsanika, Atene, in collaborazione con Dimitrios Tsonis, Elena Bairaktari, Alexandra Ntounis

La sfida

Nella realizzazione delle vetrine di questo Museo che raccoglie una delle maggiori collezioni esistenti di arte bizantina, i principali problemi erano rappresentati dalla conservazione dei delicati reperti cartacei e delle monete.

La soluzione

L’allestimento ha previsto la realizzazione dell’impianto di esposizione integrato a

microclima controllato, con vetrine verticali a parete, vetrine a leggìo, vetrine “a pettine” e ad apertura diagonale completamente in cristallo, pannelli in cristallo acidato. La necessità di garantire il controllo climatico delle vetrine destinate a contenere libri e manoscritti ha indotto la Goppion ad intervenire, per la prima volta, sulle guarnizioni, dotando le teche di guarnizioni siliconiche con magneti che garantissero la perfetta aderenza su tutta la superficie vetrata.

Gli allestimenti interni sono stati realizzati su misura, in materiali chimicamente compatibili ed inerti: mensole in plexiglas con fibre ottiche la cui luce viene deviata con taglio particolare rendono perfettamente leggibili le monete, isolandole da qualsiasi altro materiale potenzialmente dannoso.

Il progetto in numeri

Area espositiva: 2.000 m2; unità espositive: 30; lunghezza del fronte espositivo: 45 m