Indietro
  • Europa
  • Francia
  • Musei di arti decorative, artigianato, design
  • 2010-2018

Musée des Arts Décoratifs, de la Faiënce et de la Mode

Marseille, France

2012-2013

Il nuovo Musée des Arts Décoratifs, de la Faiënce  et de la Mode, inaugurato nell’anno di Marsiglia Capitale Europea della Cultura, ha sede nel settecentesco Castello di Borely, fastosa dimora di campagna di una famiglia arricchitasi grazie ai commerci con l’Oriente. Notevole per l’ambientazione tra mare e collina, per l’austera eleganza della facciata e per la qualità dei suoi interni, «la plus belle des bastides» si presenta oggi ai visitatori completamente restaurata.

Dedicato all’”arte di vivere” in Provenza, il Museo espone oltre 2500 oggetti di varia provenienza e natura, tra ceramiche, vetri, arazzi, opere d’arte, oggetti esotici rari, collezioni di moda e accessori, dal ‘700 all’età contemporanea, in un percorso espositivo che si sviluppa nelle splendide sale del palazzo, tra stanze tematiche e “Period Rooms” ancora arredate con tappezzerie e mobili originali. Opere contemporanee realizzate per l’occasione impreziosiscono il grande vestibolo, inserendosi armoniosamente nel percorso di visita.

Progetto architettonico: Moatti-Rivere, Parigi

Progetto museografico: ScenOs Associes, Parigi

La sfida

Goppion ha prodotto l’intero allestimento del Museo, trasformando il progetto in realizzazione, costruendo vetrine che danno forma e sostanza alle scelte formali dei designer e al tempo stesso garantiscono le migliori condizioni di conservazione preventiva delle opere e la massima funzionalità d’uso per gli operatori museali.

La soluzione

Le vetrine che abbiamo ingegnerizzato e realizzato, molte delle quali incassate all’interno di nicchie e mobili d’epoca, si caratterizzano per l’uso massiccio del metacrilato al posto del vetro, che ha consentito anche di realizzare sinuose forme semisferiche, dall’uso di vernici liquide di molteplici e vivaci colori e dagli effetti metallizzanti e i suggestivi effetti scenografici ottenuti con il sapiente uso dell’illuminazione a led e fibre ottiche.

Credito fotografico: Scénos-Associés