GOPPION NEWS

Progettazione e realizzazione della vetrina espositiva “Cartone della Scuola di Atene” di Raffaello

Marzo 2019

La più grande vetrina ad anta unica esistente al mondo, questo è il sistema espositivo realizzato in esclusiva da Goppion per l’esposizione del Cartone della Scuola di Atene di Raffaello alla Biblioteca Ambrosiana di Milano. La vetrina supera per dimensioni alcune delle più grandi realizzazioni ideate da Goppion in passato, come quella per il tappeto Ardabil nel Victoria & Albert Museum di Londra e le due vetrine create appositamente per i dipinti Victoria 1 e Victoria 2 di Gerhard Richter nella sede di ERGO Versicherungsgruppe a Düsseldorf.

Progettata dall’architetto Stefano Boeri, la vetrina è una realizzazione sperimentale, unica nel suo genere, ingegnerizzata e prodotta attraverso una lunga serie di prove che, in corso d’opera, ne hanno reso necessarie modifiche strutturali e funzionali.

Ingegneri strutturisti e meccanici ed esperti di cinematica sono stati chiamati in causa per risolvere alcune criticità. Il pavimento della sala in cui è esposta l’opera ha rappresentato una delle problematiche maggiori perché, per la natura storica dell’edificio, ha una portata fortemente limitata, presenta una sensibile alterazione della planarità ed è soggetto a flessioni che dovevano essere mitigate al massimo per garantire ai sistemi di apertura della vetrina la necessaria precisione.

Mettendo in campo le soluzioni tecnologiche più avanzate per soddisfare le richieste dell’exhibition designer, la Goppion ha progettato un sistema di ammortizzamento idraulico capace di compensare le irregolarità e le flessioni del pavimento. Un’altra sfida è stata rappresentata dalle dimensioni inusitate dell’anta, a causa di una geometria sfavorevole e al conseguente aumento dei carichi effettivi. La tecnica concepita per superarla è stata l’utilizzo di un vetro accoppiato in lastra unica, espressamente prodotto e trasportato dalla manifattura con mezzi straordinari che lo hanno sollevato direttamente all’interno della sala per mezzo di un’apertura appositamente creata nel muro perimetrale. Per garantire la messa in sicurezza dell’opera, il telaio di supporto è stato inoltre fissato su una struttura che ruota su speciali cerniere con cuscinetti reggispinta, così da permettere, a vetrina aperta, la completa ispezione del retro del Cartone.

Anche il grado ottimale di conservazione dell’opera, oltre alla sua sicurezza, è stato un fondamento cardine su cui Goppion ha lavorato incessantemente.

La vetrina, ad elevatissima tenuta (il ricambio d’aria tra interno ed esterno è pari a 30 giorni) è dotata di un sistema di stabilizzazione dell’umidità relativa mediante materiale tampone igroscopico e un sistema a ricircolo con diffusione dei flussi attraverso condotti di mandata e di ripresa. Un secondo circuito è dedicato alla qualità dell’aria, assicurata mediante l’impiego di opportuni filtri Goppion a stadi che consentono di filtrare l’aria, intercettando il particolato solido e chimico e gli inquinanti gassosi, potenzialmente nocivi per l’opera. Il sistema è inoltre corredato di un datalogger per il rilevamento, la registrazione e la trasmissione wi-fi delle condizioni microambientali (temperatura e umidità relativa).

Progettazione e realizzazione della vetrina espositiva “Cartone della Scuola di Atene” di Raffaello